Quello che per taluni può sembrare una fortuna, proseguire l’attività di papà, trovare la “pappa pronta”, a ben vedere ha degli aspetti faticosi, talvolta irritanti, che possono impedire la crescita dell’attività stessa e dei singoli individui, sino, nel peggiore dei casi, ad incrinare i rapporti affettivi.

D’altro canto, quando si sono create buone imprese, anche da più generazioni e per giunta dal nulla, è certamente difficile individuare quale sia la scelta imprenditoriale che contemperi da un lato l’adeguarsi ai tempi, ad esempio adottando nuove metodologie di comunicazione, esplorando nuovi mercati, far spazio “ai giovani” e dall’altro dar seguito a quello che la “tradizione” vorrebbe fosse conservato: immagine, luoghi, procedure, vecchie abitudini consolidate.

Mi sono trovata spesso a dover gestire situazioni imprenditoriali o professionali in cui stava aumentando il malcontento, da entrambe le parti, rischiando di pregiudicare l’andamento dell’azienda e o dello studio professionale, vecchia e nuova generazione a confronto: posizioni contrapposte, ognuna delle quali trincerata nelle proprie convinzioni, con idee di per sé tutte valide, ma senza alcuna apertura al dialogo per trovare una “nuova via”, una reciproca soddisfazione e giungere insieme ad un buon risultato economico.

Cosa fare allora?

Il mio ruolo, quale commercialista fiscal-coach, è stato, in prima battuta quello di portare gli interessati con colloqui individuali di coaching ad un grado di consapevolezza che consentisse loro di scegliere con serenità il da farsi, per poi poter loro suggerire la strategia fiscale più idonea al tipo di operazione che avevano scelto di perseguire.

LE DOMANDE PER FARE CHIAREZZA

Queste alcune delle domande a cui cercare di dare una risposta insieme per fare chiarezza e poter scegliere con leggerezza:

  • Trova un aggettivo per definire il tuo lavoro in famiglia.
  • Potresti trovarne uno migliore?
  • E quale aggettivo useresti se lavorassi con estranei?
  • Potresti organizzare il tuo lavoro in maniera che ti senta valorizzato e al tempo stesso valorizzare le persone che lavorano con te?
  • Cosa ti irrita? Perché?
  • Cosa fai che irrita gli altri?
  • Comunichi quello che davvero senti? Cosa pensi percepiscano gli altri di ciò che senti?
  • Rimani perché lo vuoi o per far piacere alla tua famiglia?
  • Quale sarebbe la reazione dei tuoi parenti se te ne andassi? Abbandono o liberazione?
  • Quale sarebbe la tua reazione se decidessi di andartene? E quale invece se fossero loro a non accoglierti in azienda?

Ecco come si fondono insieme le mie due attività di “commercialista” e di “fiscal-coach” generando una figura di consulente che per dare risposte concrete a situazioni come quelle sopra viste associa alla preparazione giuridica/economica di dottore commercialista quella di esperto coach. Fare coaching significa per me condurre in punta di piedi, lievemente, le persone a superare situazioni più o meno complesse e/o di cambiamento.

Leggevo ieri, appunto: “sai cosa si fa quando non se ne può più? Si cambia” (A. Moravia).

Io aggiungo: forse si può cambiare prima del “non ne posso più”.

 

Richiedi la consulenza gratuita

Prova la Fiscalità Leggera

Richiedi una consulenza gratuita e personalizzata
Richiedi la consulenza gratuitaFin dal primo colloquio gratuito la sensazione di benessere e di chiarezza che proverai ti aiuteranno a capire meglio la direzione che vuoi prendere e a intraprendere serenamente le scelte giuste per il tuo futuro.