Spesso le neo mamme libere professioniste mi chiedono se è possibile tornare al lavoro e sviluppare la professionalità acquisita prima della gravidanza, o costruirne una tutta nuova.

Io credo fermamente di sì, lo dico non solo per la mia esperienza personale di mamma che lavora, ma soprattutto perché mi relaziono di frequente con professioniste o imprenditrici che sono mamme felici e realizzate nei loro progetti lavorativi.

Ecco alcuni dei punti che affronto quando le neo mamme si rivolgono a me come consulente coach ed esperto fiscale:

  • Fate chiarezza vera, date spazio ai “vostri” pensieri: i colloqui di coaching possono aiutarvi a sviluppare una consapevolezza di ciò che intendete raggiungere. Forse desiderate affacciarvi nuovamente al mondo del lavoro che avete messo da parte per un periodo di tempo più o meno lungo coincidente con la gravidanza e la crescita dei figli sino alla scuola materna o oltre. Oppure volete iniziare la professione che non avete avuto tempo di iniziare perché siete diventate mamme prima di poterlo fare;
  • Cercate una visione a 360°: ci vuole esperienza e questa arriva con il tempo, ma mentalmente dovrete essere proiettate a raggiungere una visione di insieme della vostra attività. Qualcuno direbbe che dovete diventare “responsabili” dell’intero processo produttivo – economico della vostra attività, sia essa uno studio professionale olistico, una libera professione ordinistica, o un’attività produttiva o artigiana;
  • Trovate l’essenza del vostro obiettivo: individuate le attività su cui concentrarvi inizialmente e su quelle successive nell’evolversi progressivo della vostra attività. Per farlo cercate sempre di semplificare le dinamiche di scelta, la complessità sia nei processi che nelle relazioni genera maggior rischio di errori e maggior conflittualità;
  • Ricercate obiettivi di lungo periodo e di larga condivisione: la più grande sfida non è il maggior incasso a fine mese o la crescita dell’utile a fine anno. Questi sono tutti obiettivi di impatto economico che allontanano da una visione più ampia, è importante invece soffermarsi su come organizzarsi al meglio tra lavoro e famiglia, su come i figli percepiscono il lavoro del genitore,  sugli interventi necessari affinché il clima sia disteso in casa e al lavoro.

La vera sfida è costruire qualcosa di solido che duri nel tempo, dar vita ad una realtà che cresca e si affermi cercando il giusto equilibrio tra la professione e la famiglia.

La lista potrebbe continuare perché ogni mamma ha la sua storia, il mio obiettivo, sicuramente ambizioso, è quello di aiutare le neomamme ad affrontare il mondo del lavoro con le giuste motivazioni ed atteggiamento, ponendo attenzione sia agli aspetti emotivi attraverso il percorso di coaching sia a quelli organizzativi e fiscali nella parte di consulenza tecnica.

Ora chiedo a voi: mamme come state affrontando l’equilibrio tra lavoro e famiglia? 

Contattami per parlare della tua situazione in un incontro conoscitivo gratuito, ti aspetto!

 

SCOPRI IL PERCORSO

Vuoi diventare libero professionista?

Non sai se stai facendo la scelta giusta?
Hai paura di non sapere se la libera professione fa per te?

Ecco il mio percorso di fiscal coaching per capire quale strada intraprendere, imparare gli strumenti e l'organizzazione per non perdersi.

SCOPRI IL PERCORSO

Scopri insieme a me se la libera professione è la tua strada.